Anche Pacher dice sì al Kleb: ora trattativa con Fantoni

Coach Leka sta già dando un volto alla Top Secret: avanti anche con il pivot. A.J.: «Voglio essere un leader per la squadra e la città. E aspetto i tifosi»

FERRARA. Il Kleb ha abituato molto bene i propri tifosi: prima l’arrivo del giovane Pianegonda, poi la conferma di Panni e l’arrivo di Petrovic. Di sabato pomeriggio l’annuncio della firma di A.J. Pacher che, dunque, indosserà il biancazzurro per il secondo anno consecutivo: sicuramente una bell notizia per coach Spiro Leka, che voleva fortemente il giocatore. Pacher aveva diverse richieste, pure dall’estero: il lungo biancazzurro alla fine ha però deciso di rimanere alla Top Secret.

«Sono davvero molto felice di ritornare a Ferrara – dice Pacher dagli States -. Siamo reduci da una grande stagione, con un gruppo di ragazzi davvero fantastici, dentro e fuori dal campo. È ancora presto e stiamo aspettando di vedere come sarà costruita la nuova squadra, ma la mia speranza personale è che possiamo confermare la maggioranza dei ragazzi dell’anno passato».

Obiettivi «Penso che in una stagione normale, dove non si giochi ogni tre giorni, senza il Covid e tutti gli infortuni, credo che potremmo avere una stagione migliore rispetto allo scorso anno – aggiunge Pacher -. Confido nella nostra grande società per mettere assieme il gruppo e sono eccitato per questa stagione di nuovo insieme».

«Il mio obiettivo personale è continuare a migliorare ogni aspetto del mio gioco – ha chiuso A.J. -, continuare ad essere un grande leader per questa squadra e questa città e cercare di lavorare sul mio fisico per essere sano al 100% per ogni partita, così potrò vedere che cosa significa giocare davanti a questi grandi tifosi ferraresi». Coach Spiro Leka gongola, a stretto giro di posta confida di avere buone nuove anche sulla permanenza del capitano Tommaso Fantoni in biancazzurro.

Coach e pivot si sono parlati, adesso bisognerà mettere a punto la questione contrattuale. Il tecnico biancazzurro ieri si reputava fiducioso: «Sono contento di aver chiuso diversi obiettivi che ci eravamo prefissati di chiudere positivamente – dice il nocchiero biancazzurro -, fra tutti gli annunci quello della riconferma di Pacher è stato speciale. Aveva molte offerte, cosa che avevano pure gli altri. A.J., dopo un anno che ci ha conosciuto, non ha voluto sentire altre sirene; tanto di cappello, ciò gli fa onore. Significa che noi stiamo costruendo il progetto giusto e lui ci ha scelti per crescere ancora; il fatto che lui abbia firmato senza prendere in considerazione altri campionati e società, con più risorse di noi, beh, ci fa davvero molto piacere. Siamo orgogliosi di averlo confermato nella nostra famiglia».

Petrovic «Ha ancora dei margini di miglioramento – spiega Leka del nuovo acquisto-, non si sente mai arrivato e le sue motivazioni fanno la differenza». E ora, Fantoni… «La nostra idea è che dovrebbe andare avanti con noi, bisognerà che con il suo procuratore si trovi l’intesa. Sono ottimista, come del resto sono ottimista pure su Zampini: manca solamente la firma sul contratto». Ala italiana? «Non posso dire niente, siamo in attesa di altre situazioni, dipende dall’esito di queste, così non posso sbilanciarmi. Al momento è prematuro. A livello di tempistiche siamo messi bene – ha chiuso Leka -, non dobbiamo avere fretta. Il nostro obiettivo è fare il passo secondo la gamba, cercando di fare meno errori possibili. Anche per il secondo straniero ci sarà tempo». Le manovre di mercato degli ultimi giorni stanno portando lontano da Ferrara Vencato, Ebeling e Baldassarre. In generale, il nuovo Kleb sta nascendo sotto gli auspici migliori per provare a recitare da protagonista. —

Lorenzo Montanari

RIPRODUZIONE RISERVATA ,169>

Recensioni

Articoli Correlati