Covid in Spagna, maxi-focolaio a Maiorca: 700 ragazzi contagiati. “Tutto è partito da un concerto e dalle feste”

Sono oltre 700 i ragazzi di sette comunità autonome spagnole che finora risultano positivi al coronavirus dopo essere stati a Maiorca tra il 12 e il 20 giugno, ma i dati sono ancora in evoluzione. A riportare la notizia è il quotidiano El Pais sottolineando che altri 3.000 giovani si trovano in quarantena a Madrid dopo essere rientrati da viaggi nell’isola.

Le autorità delle Baleari hanno identificato diverse fonti di contagio: feste organizzate su barche e in nove hotel nella zona della spiaggia di Llucmajor, mentre è stato aperto un fascicolo per il mancato rispetto delle misure anti Covid contro gli organizzatori di un concerto di musica Reggaeton tenutosi nell’arena per le corride dei tori di Palma di Maiorca. Ogni anno, circa 12.000 studenti provenienti da diverse regioni scelgono Maiorca come meta per festeggiare la fine degli studi. I viaggi sono organizzati da varie agenzie specializzate, come ‘Tu Fin de Curso’ o ‘Xcape’, molto conosciute tra gli studenti, che annualmente vendono pacchetti tutto compreso – feste in piscina e in barca incluse – a meno di 400 euro.

Intanto, l’incidenza cumulativa media dei contagi di Covid registrati in Spagna negli ultimi 14 giorni è salita leggermente per il terzo giorno consecutivo: ora è di 95,03 casi ogni 100.000 abitanti, secondo l’ultimo aggiornamento del ministero della Sanità. Molti dei casi relativi al focolaio di Maiorca non sono ancora stati contabilizzati.

(fonte: La Stampa)

Recensioni

Articoli Correlati